Home l Educazione l Informazioni l Contatti l English
   
  Inaugurazione - Giovedì 20 Marzo 2008 h. 20.00
   
  Suoni d’artificio

di Alessandro Anatrini, Matteo Marangoni, Emanuela Martignetti

Installazione sonora realizzata nell’ambito del corso di perfezionamento MEDIASONIC - Il progetto dell’audio nei media e lo spettacolo dal vivo realizzato da Tempo Reale e cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo in convenzione con la Provincia di Firenze.

L’installazione consiste in un sistema digitale di generazione sonora e un sistema elettroacustico di dodici altoparlanti disposti lungo il perimetro del cortile. Una serie di sequenze composte da brevi campioni audio vengono riprodotte aleatoriamente creando aggregati sonori cangianti nel tempo e nella collocazione spaziale, pur seguendo uno sviluppo formale prestabilito. Da questo ambiente sonoro emergono occasionalmente degli eventi che segnano un’inversione di flusso nel suono-marea, idealmente generato dalla splendente luna di lampadine presente nel cortile.

Agendo da elemento di congiunzione tra la dimensione sonora e quella rappresentativo- figurativa, suoni di natura elettrica si miscelano con altri di provenienza acustica, connotati in senso geografico. Il riferimento alla cultura musicale cinese avviene inserendo alcuni frammenti melodici
e percussivi, dove varietà timbrica ed uso di gesti strumentali peculiari suggeriscono come i cinque suoni della scala pentatonica (a cui si tende spesso ad associare la musica cinese) abitino in realtà un continuum frequenziale più complesso.
  Descrizione del progetto
www.centrotemporeale.it
   
 
  Centro di produzione ricerca e didattica musicale Fondato da Luciano Berio nel 1987 Tempo Reale è oggi uno dei principali punti di riferimento europei per la ricerca, la produzione e la formazione nel campo delle nuove tecnologie musicali. Ente accreditato come agenzia formativa dalla Regione Toscana, dal 2007 è dotato di Certificazione ISO (ISO9001:2000) per la formazione professionale.
   
  Public readings
Cartografia del mutamento urbano
(installazione sonora, 2008)

di Giacomo Bazzani

Un cinese insegna ad un italiano a leggere e comprendere una serie di ideogrammi cinesi. Le frasi provengono da una cartografia degli ideogrammi cinesi presenti negli spazi pubblici della città di Prato. Questa nuova geografia simbolica degli spazi urbani è stata catalogata, letta ed interpretata pubblicamente con l’obiettivo di creare, attraverso uno scambio comunicativo, un legame tra rappresentazioni spaziali e sociali differenti.

Prato è la città italiana con la più alta presenza percentuale di cittadini con passaporto cinese (10% circa). L’espansione che questa presenza ha avuto in anni recenti è stata anche accompagnata dalla diffusione di stereotipi e pregiudizi nei confronti di questa minoranza, legati anche al periodo di crisi economica che l’industria tessile della città ha attraversato.
Con il passare degli anni e l’espandersi della presenza di cittadini di lingua cinese, il panorama urbano della città si è andato popolando di migliaia di scritte in lingua cinese. Queste scritte sono presenti oggi sia in situazioni formali come le insegne dei negozi, gli spazi pubblicitari o la cartellonistica stradale, sia in contesti informali come graffiti o annunci di lavoro affissi sui muri. Questo insieme di segni ha creato una nuova geografia simbolica urbana attraverso la quale ‘leggere’, conoscere ed interagire con la città. Questa nuova geografia segna però anche una distanza tra una parte dei cittadini che conosce ed utilizza questo sistema di segni ed un’altra parte di cittadini che ne ignora i significati. Per creare un legame tra queste rappresentazioni distanti dei medesimi spazi, Public Readings ha realizzato una mappatura di questi segni, la relativa traduzione in italiano ed una successiva serie di loro letture pubbliche nelle strade della città da cui nasce l’installazione sonora presente in mostra.

Hanno realizzato la cartografia urbana i fotografi:
Francesca Catastini, Silvia Giannini, Silvia Noferi, Antonella Piga
Lettori: Filippo Basetti, Pan Caifeng, Barbara Ceccatelli, Yu Li, Ben Yu

www.renshi.org