LECTURE / Una modernità senza catastrofe

Lecture Emiliano Ilardi

Giovedì 17 maggio 2012, ore 18.30

LECTURE / Emiliano Ilardi
(docente di Sociologia dei processi culturali)

Una modernità senza catastrofe: il grande sogno dell’immaginario americano

L’America, grazie all’abbondanza di spazio, di cui la frontiera è l’archetipo originario, rappresenta da sempre il grande sogno di una modernità senza catastrofe, il sogno di poter progettare in tutta tranquillità il proprio mondo senza essere obbligati a distruggere quello che c’era prima. Ed è proprio tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, quando finisce lo spazio, che il tema della catastrofe entra prepotentemente a far parte dell’immaginario americano in una posizione centrale. Anzi si potrebbe addirittura affermare che un immaginario americano di massa, e quindi una vera e propria industria culturale nasce in America solo quando finisce la frontiera e ha come unico obiettivo quello di inventare nuove dimensioni spaziali alternative. Falliti tutti i tentativi «pacifici» per costruire nuove frontiere (colonizzazione di altri pianeti o creazione di nuove frontiere virtuali attraverso la tecnologia) alla fine non resta che la catastrofe per creare nuovo spazio.

Emiliano Ilardi è ricercatore in Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Cagliari. Si occupa di sociologia della letteratura,  sociologia urbana, sociologia dell’immaginario (soprattutto americano), comunicazione della memoria e dei beni culturali, sistemi di e-learning per l’università. Su questi temi ha pubblicato: Il senso della posizione. Romanzo, media e metropoli da Balzac a Ballard (2005); Comunicare la memoria. Le istituzioni culturali europee e la rete, (2008); Hi-Story. The Rewriting of History in Contemporary Fiction (2009); La frontiera contro la metropoli. Spazi, media e politica nell’immaginario urbano americano (2010); I cantieri della memoria. Digital Heritage e istituzioni culturali (2011).

 

CONTATTI
Informazioni: +39 055 26 45 155
Prenotazioni: +39 055 24 69 600
Email: info@palazzostrozzi.org
Cliccando sul bottone go si dichiara di aver letto ed accettatto le politiche sulla privacy

CALENDARIO EVENTI:  maggio 2012
L M M G V S D
« apr   giu »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO ARTISTI  clicca sulla lettera

A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Con la grande mostra dedicata ad Ai Weiwei (23 settembre 2016-22 gennaio 2017) per la prima volta Palazzo Strozzi diventa uno spazio espositivo unitario che comprende facciata, Cortile, Piano Nobile e Strozzina.

L’arte contemporanea esce dalla Strozzina e si espande sia a livello espositivo che di comunicazione, in uno scenario in cui Palazzo Strozzi partecipa attivamente all’avanguardia artistica del nostro tempo.

Per questo motivo le informazioni relative alla mostra Ai Weiwei. Libero e il programma di mostre e attività future dedicato all'arte contemporanea saranno consultabili direttamente al sito www.palazzostrozzi.org e sui canali social di Palazzo Strozzi.

chiudi