Barbara Dawson

Francis Bacon

Il saggio è parte del catalogo “Francis Bacon e la condizione esistenziale nell’arte contemporenea”, a cura del CCC Strozzina, Fondazione Palazzo Strozzi ed edito dalla casa editrice Hatje Cantz (www.hatjecantz.de).

Barbara Dawson

Tracce del tempo

Francis Bacon è nato all’inizio del XX secolo, un secolo che ha visto l’avvio della modernità in Europa accanto alle persistenti tradizioni rurali ed economie agricole. È stata un’epoca che ha assistito a ondate di creatività rivoluzionaria, inventività tecnica e riforme sociali. Sono state le periferie, sia in senso geografico che sociale, a nutrire questo cambiamento tumultuoso che minacciava i canoni stabiliti nella politica, nella società e nell’arte. La lotta per l’autodeterminazione e la ricerca di un’identità nazionale hanno visto la frantumazione degli imperi e la spartizione degli Stati, a cominciare dall’Irlanda. Bacon ha superato due guerre mondiali e la Rivoluzione Russa e, da ragazzo, è stato testimone diretto della Guerra di Indipendenza e della Guerra Civile in Irlanda. Bacon si riferisce allo Zeitgeist come alla “nevrosi del mio secolo, che colpisce il proprio modo di sentire le cose” (Kaleidoscope 1991).

 

Il ritratto impietoso della figura umana tracciato da Bacon dà luogo ad alcuni dei più profondi dipinti figurativi del secolo scorso. Totalmente privo della speranza di una qualsiasi ragione profonda dell’esistenza, riconosceva che le sua inclinazione al nichilismo era stata compensata da una natura molto ottimistica, che nella seconda parte della sua vita gli diede la reputazione di bon viveur e conversatore. Nei suoi dipinti egli trasmette le circostanze banali e spesso tragiche della ricerca della passione e dell’amore da parte dell’uomo, con immagini uniche che danno sostegno a quel senso di isolamento che costituiva un tratto dominante della sua generazione. Figure deformate, brutalmente contorte e attorcigliate, assumono uno splendore eroico contemporaneo, eternamente intrappolato nei confini dei loro spazi delimitati. Nei dipinti di Bacon l’emozione è incarnata nell’esperienza individuale, il gerarchico è aborrito in favore dell’ordinario, l’isolamento esistenziale dell’individuo occupa il centro della scena.

Un dipinto unico nell’opera di Bacon, Untitled (Marching Figures) (Senza titolo – Figure in marcia) c. 1951 che mostra figure stilizzate che marciano sotto un orso polare che si muove pesantemente, potrebbe riferirsi alla definizione nietzscheana di uomo come “una corda tesa tra l’animale e l’oltre-uomo (il super-uomo) – una corda su un abisso1”, o al ”pesante orso” che per il poeta Delmore Schwarz è l’uomo, infelice per natura, appesantito dall’ego o dal sé, che “si lamenta nel sonno a causa della fune tesa. Trema e mostra l’oscurità al di sotto” (Schwartz 1959). Nel corso della sua vita, Bacon raccolse fotografie di guerra e di atrocità belliche, che contribuirono considerevolmente al suo repertorio di immagini. In 100 Years of Pictures un’immagine mostra alcune reclute britanniche della Prima Guerra Mondiale che si esercitano con lunghi bastoni. Le lunghe ombre proiettate dalle figure enfatizzano la composizione diagonale e aumentano la drammaticità visiva. La mascotte dell’unità, un cane, è tenuta al guinzaglio sulla sinistra.

Influenze irlandesi

Bacon nacque a Dublino nel 1909 in una società che ora non esiste più, quella della classe dominante angloirlandese che governò l’Irlanda fino alla Guerra di Indipendenza (1919-1921). I genitori di Bacon erano inglesi, si trasferirono in Irlanda dopo il matrimonio avvenuto nel 1903. Il padre di Francis, Eddy, un capitano dell’esercito britannico, avviò delle scuderie nella contea di Kildare. Bacon ebbe per tutta la vita un interesse considerevole per i libri di medicina e per le malattie della pelle, probabilmente derivato dall’asma, i cui violenti attacchi lo colpirono fin dalla tenera età. Ne soffrì per tutta la vita e ancora nel marzo 1992, un mese prima di morire, scrisse all’amico irlandese Louis Le Brocquy: “Adesso sto molto meglio, ma i miei polmoni sono quasi polverizzati dall’asma.” Una pagina strappata dal libro Proiezioni radiografiche di Kathleen C. Clark, di cui Bacon possedeva almeno due copie, presenta radiografie dei polmoni e del sistema respiratorio. L’immagine ai raggi X in basso a destra rivela similarità compositive con il torso nel pannello centrale di Triptych (Trittico, 1976) che mostra i polmoni divorati da un uccello rapace.

Quando Bacon aveva solo dieci anni, la famiglia fu coinvolta nella rivolta irlandese contro il controllo britannico – alla Guerra di Indipendenza irlandese (1919-1921) seguì la Guerra Civile (1921-1923). Sebbene i Bacon non fossero attivi nella politica irlandese, essendo una ricca famiglia protestante, furono associati alla classe egemone anglo-irlandese che costituiva il bersaglio dell’IRA, l’esercito repubblicano irlandese. Più di duecentosettanta case possedute da questi proprietari furono incendiate e, per quanto lo scopo primario dell’IRA fosse la distruzione delle proprietà, non si poté evitare di mettere in pericolo anche le vite umane. I Bacon furono risparmiati dagli attacchi, ma l’artista ha continuato a ricordare vivamente la casa di sua nonna protetta con sacchi di sabbia e i fossati scavati sulle strade: una notte, viaggiando in automobile con suo nonno Supple, uno di questi fossati fu colpito e l’automobile uscì fuori strada, i due, inseguiti dalle forze ribelli, furono costretti a mettersi in salvo fuggendo attraverso i campi.

Bacon lasciò Straffan House, la sua casa di famiglia nella contea di Kildare, quando aveva circa 16 anni, perché il padre aveva scoperto che era omosessuale. Per uno strano gioco del destino, fu mandato a Berlino con un amico di famiglia per “mettere la testa a posto”, si ritrovò in un ambiente in cui la sessualità gay era esibita pubblicamente, c’erano più locali per omosessuali a Berlino negli anni Venti che a New York negli anni Ottanta. “La Berlino del 1927 e del 1928 era una città totalmente aperta, che in un certo senso era molto, molto violenta. Forse mi sembrava violenta perché ero arrivato dall’Irlanda, che era violenta in un senso militare ma non in senso emotivo.” Anche se l’omosessualità fu depenalizzata in Inghilterra nel 1967, in un’intervista del 1991 Bacon riferiva: “c’è stato, c’è e probabilmente ci sarà sempre un clima contrario all’omosessualità” (Kaleidoscope 1991).

Lo studio di Francis Bacon al numero 7 di Reece Mews a Londra fu donato, con quello che conteneva, alla Dublin City Gallery The Hugh Lane nel 1998 dall’erede dell’artista, John Edwards, col sostegno di Brian Clarke, ora responsabile dell’Estate of Francis Bacon. Lo studio era caotico, pieno di libri su argomenti che spaziavano dallo sport alle malattie della pelle, dalla danza alla fotografia e al cinema. Pagine strappate da libri e riviste, fotografie sgualcite e manipolate, tra cui un’importante serie di fotografie in bianco e nero scattate da John Deakin su commissione dell’artista tra la fine degli anni Cinquanta e gli anni Sessanta, disegni, tele abbandonate e tagliate e materiali di artisti riempivano il piccolo studio. Ricevere una donazione come questa non è una usuale acquisizione per un museo pubblico o una galleria alla fine del XX secolo, probabilmente il secolo meno documentato della storia. Oggi viviamo in un’età di gestione del significato, e il problema che ci siamo posti era come rendere rilevanti, nell’epoca del postmoderno, questo studio e questo archivio. Come si interpreta il materiale? Chi decide le categorie e le parole chiave per l’indicizzazione? Stiamo forse controllando il significato dell’archivio mediante il modo in cui lo si può esplorare (artista, omosessuale, Soho, alcol, amanti, ecc.)? Chi è responsabile? Prima che il gruppo di lavoro della Hugh Lane prelevasse il materiale, decidemmo che a ogni elemento andava attribuita uguale importanza. Non era permesso alcun processo di intepretazione o selezione. Ogni oggetto fu catalogato, individualmente o all’interno di un gruppo, prima di arrivare a Dublino; anche la polvere fu inclusa, raccolta in sacchetti prima del trasporto. Nella galleria tutti gli oltre settemila elementi furono catalogati e fotografati e l’informazione fu inserita in un database appositamente predisposto. Fu un progetto all’avanguardia nella prassi museale ed è un’aggiunta molto significativa al corpus dell’opera di Bacon, l’unico fatto che rimane al di là di ogni interpretazione, ora che l’artista è morto. È un locus classicus, che illumina sui processi, i metodi e le preoccupazioni dell’artista. La carriera di Bacon coprì la maggior parte del XX secolo, e più successo otteneva, più si ritirava dietro il mito. Lo studio e l’archivio sono un’indagine dentro il processo, dentro lo spazio e l’ambiente in cui l’artista lottava continuamente per catturare e rendere visibili le immagini che cercava e per le quali è diventato così famoso.

I circa seicento dipinti che costituiscono l’opera di Francis Bacon danno l’immagine nitida di un artista straordinario, il cui peculiare punto di vista sull’esistenza umana è cristallizzato per sempre nelle rappresentazioni belle, vitali e convulse del corpo umano isolato in una realtà spaziale definita. Il soggetto è il fatto: non fa riferimento alla raffigurazione, né la interpreta. Esso è reso materiale per mezzo della corporeità della pittura. La materialità della pittura lo stimolava tanto quanto le possibilità presentate dalla sua manipolazione sulla tela. Bacon parla infatti di come la pittura passa da un tono a un altro cambiando completamente l’immagine e di come poteva plasmarsi in immagini che incarnavano le sensazioni che cercava di esprimere. Il suo era un linguaggio visivo singolare, i suoi dipinti erano esperienze fenomenologiche che cercava di separare completamente da qualsiasi allusione alla rappresentazione o all’illustrazione. Per lui, il processo di dipingere consisteva nel vuotare la tela di immagini possibili; ricondurre all’immagine essenziale che sussiste da sola. “L’artista deve approfondire il gioco, se ha un po’ di talento, e riportare lo spettatore in vita con più violenza” (The Third Programme 1963).

Era un famigerato revisore della sua stessa opera e sono state recuperate dallo studio centinaia di tele tagliate. Si presentano in vari gradi di distruzione e di per sé sono molto rivelatrici delle tecniche e metodi di pittura di Bacon (Shepard 2009). Da giocatore d’azzardo quale fu per tutta la vita, Bacon si riferiva spesso alla parte significativa che il caso o la fortuna giocavano nella sua opera. Eppure, con l’aumento della sua padronanza delle tecniche, furono gestiti con più abilità anche il ruolo e la profondità dell’influenza del caso sulla manipolazione delle tele, per far emergere le immagini ancora irrealizzate. Queste tele tagliate erano tenute nello studio, le più grandi appoggiate contro le pareti, le più piccole impilate sugli scaffali lungo le pareti. Le tele più piccole erano usate come tavolozze, con i residui di prove colore chiaramente visibili su tutte le superfici dipinte.

Opere incompiute

Ugualmente, se non maggiormente affascinante è la collezione di opere incomplete che l’artista teneva a Reece Mews, ora conservata nella galleria. Sebbene Bacon sostenesse di non tornare mai sulle sue opere una volta che le aveva abbandonate, si indaga sul perché queste siano sopravvissute. Queste opere, come tutti gli oggetti nell’archivio di Francis Bacon alla Hugh Lane, rivelano dettagli affascinanti e significativi sulla forma mentis dell’artista, tanto quanto sui suoi processi e tecniche di pittura, e questa è la prima volta che esse sono esposte al pubblico fuori da Dublino.

Tra le opere lasciate incompiute la più completa è Untitled (Seated Figure on Dappled Carpet) (Senza titolo – Figura seduta su tappeto pezzato, c. 1966) che fu scoperta nello studio dal gruppo di lavoro della Hugh Lane nel 1998. È un ritratto di George Dyer, amante di Bacon negli anni Sessanta e soggetto di alcuni dei suoi dipinti più monumentali. Per l’artista le strade erano una sorgente vitale di immagini e il tappeto a motivi drappeggiato sugli scalini ricorda le vetrine degli anni Sessanta di alcuni negozi di arredamento nelle vicinanze dello studio (Russel 1996). Questo dipinto mostra George Dyer che guarda a sinistra. Bacon era molto interessato al caratteristico profilo di Dyer e commissionò molte fotografie di lui a John Deakin. Questo dipinto rivela il procedimento di pittura con cui Bacon riempiva per ultimo lo sfondo rettangolare, aumentando il rilievo del modello. Lui stesso spiega: “Riduco la scala del dipinto disegnando in questi rettangoli che concentrano l’immagine” (The Third Programme 1963). Non è chiaro perché abbia improvvisamente smesso di dipingere di nero lo sfondo, può essere dipeso dal danneggiamento verticale sotto il piede sinistro. Nello studio fu trovata anche una tela tagliata che rappresenta un tappeto a motivi con un gradino a sinistra. Nel dipinto, composto insolitamente in orizzontale, la testa (o la parte alta della figura) è stata tagliata via.

Lungo tutto il corso della sua vita Bacon fu incline a fare affermazioni contraddittorie sui suoi processi e le sue tecniche, compresa la sua attività di disegno. Anche se in seguito lo negò, l’artista in effetti fece disegni, in particolare all’inizio della sua carriera. Già nel 1934, organizzò la mostra “Francis Bacon Paintings and Drawings” (Francis Bacon: dipinti e disegni) nello spazio temporaneo della Transition Gallery in Curzon Street a Londra. Ad ogni modo la recensione del “Times” del suo lavoro su carta fu scoraggiante e anche se continuò a disegnare, rinunciò alle esposizioni pubbliche dei suoi lavori su carta e negò di fare disegni. Ancora nel 1991 dichiarò: “Non so disegnare, non credo di saper disegnare. Hanno detto che non sa disegnare (sic), dunque è così” (Kaleidoscope 1991). Lui disegnava comunque, come confermano gli schizzi trovati nello studio2. Ma non vedeva i suoi disegni come una forma di arte indipendente nel modo in cui, ad esempio, apprezzava i disegni di Picasso. Disegnava anche direttamente sulla tela, come rivelano queste opere incompiute.

Unfinished (Seated Figure) (Non finito Figura seduta, c. 1979) è un disegno su tela eccezionale e singolare nell’opera dell’artista. Fu abbandonato e si può probabilmente capire il perché. È completo in se stesso, rivela una straordinaria agilità col pennello: una composizione finita, con una consistenza minimale, che non permette alcuna possibilità di sconvolgimento – due elementi a cui Bacon teneva molto nelle sue opere compiute.

In Untitled (Three Figures) (Senza titolo – Tre figure, c. 1981) Bacon ha schizzato tre figure sedute su sedie. Mentre nessuna parte del soggetto è completata in alcun senso, il quadro mostra chiaramente il processo con cui il pittore schizzava la sua struttura spaziale prima di elaborare le figure. La composizione di questo ritratto di gruppo è insolita. Il suo amico ed erede John Edwards è seduto al centro, la forte sagoma muscolosa della gamba destra è delineata in colore nero mentre la parte superiore del torso mostra l’inizio di un accumulo di materialità e colore. Lo schizzo di una figura seduta, forse John Edwards, trovato nello studio, mostra questa posa rovesciata. La posa è adottata in Unfinished (Seated Figure) (Non finito – Figura seduta) e accennata nell’ultimo autoritratto non finito, ma non appare in alcuno dei ritratti completati di Edwards. Alla destra c’è una creatura simile a una sfinge. Bacon visitò l’Egitto all’inizio del 1951, ammirò molto la scultura egiziana e attinse a quell’immaginario per i suoi soggetti, come è provato dal numero di libri e illustrazioni sull’argomento presenti nello studio. Nel 1979, Bacon dipinse un ritratto di Muriel Belcher, sua amica di vecchia data, sotto forma di una sfinge – Sphinx – portrait of Muriel Belcher (Sfinge – ritratto di Muriel Belcher, 1979) e, mentre i lunghi capelli lisci su questo studio di testa sono simili a quelli di Muriel, l’immagine è più giovanile e il viso dipinto suggerisce una somiglianza con la sfinge di Oedipus and the Sphinx after Ingres (Edipo e la Sfinge da Ingres, 1983). La terza figura rappresentata sulla destra nell’opera del 1981 è enigmatica, ma il contorno della testa, la capigliatura folta e i baffi pronunciati hanno somiglianze con la scultura egiziana del principe Rahotep nel museo del Cairo. Riproduzioni di questa scultura compaiono sulla rivista “Discovering Art. The Story of Art through the Agesche Bacon aveva nel suo studio. Forse per questo lavoro Bacon aveva un sovraccarico di immagini che non riuscì a controllare e che lo portò ad abbandonare l’opera.

La consistenza materica era centrale per l’opera di Bacon, e nei suoi sforzi per aumentare le sue qualità tattili, spesso intasava di colore la tela e non poteva continuare. I dipinti allora venivano sempre abbandonati, tranne un’unica eccezione (Sylvester 1995). Untitled (Figure with Raised Arm) (Senza titolo – Figura con braccio alzato, c. 1949) è la più precoce tra le opere non finite o abbandonate della collezione della Hugh Lane. Verso la fine degli anni Quaranta, Bacon cominciò a dipingere sul lato non preparato della tela. Ha più “dente” per trattenere il colore nel modo che voleva e assolveva allo scopo di rendere la sua tecnica “il più grezza possibile” (Durham 1985). Untitled (Figure with Raised Arm) è in qualche modo simile a Study from the Human Body (Studio dal corpo umano, 1949) nel senso che entrambe le opere sono dipinte con un colore blu-grigio sbiadito e si sforzano di uscire dalla cornice del quadro attraverso spesse tende. Nell’opera non finita comunque il movimento è più dinamico. Bacon colloca la sua figura su una diagonale, riecheggiando la struttura di massima schizzata attraverso tutta la superficie del dipinto. La composizione rivela molte somiglianze con un’immagine in The Human Figure in Motion (La figura umana in movimento) di Eadweard Muybridge. Nel 1949, Bacon visitò una mostra sull’opera del pioniere della fotografia al Victoria and Albert Museum di Londra3. C’è anche un accenno di ectoplasma emanato dalla bocca della figura. Uno dei libri più curiosi e rivelatori tra quelli trovati nello studio di Bacon è Materialisationsphänomene (Fenomeni della materializzazione) del barone Albert Freiherr von Schrenck Notzing, che documenta i fenomeni paranormali e fisici per mezzo di fotografie in posa (all’inizio del XX secolo, le sedute spiritiche e la fascinazione per l’occulto erano molto di moda). Emerge che, per Bacon, le raffigurazioni o le “prove documentali” delle sedute spiritiche erano di altissimo interesse. In molte fotografie, le masse bianche di presunti ectoplasmi emergono dalla bocca del medium e galleggiano nell’aria. Queste sedute individuali avevano luogo in strutture a tenda, parzialmente nascoste da pesanti tendoni. Bacon trasse ispirazione da queste fotografie lungo tutta la sua carriera e ci sono anche alcune correlazioni dirette tra queste fotografie e le sue opere finite (Cappock 2005 e Harrison 2005). Lo schema di struttura indica la preparazione e la pianificazione compositiva di Bacon, e anche la forma dello sfondo striato ricorda i suoi progetti di arredamento con pareti di gomma degli anni Trenta.

L’incompiuto Self portrait (Autoritratto, 1992) rappresenta un’eccezione nella categoria delle opere non finite, dato che si trovava sul suo cavalletto nello studio al momento della morte nell’aprile del 1992. Bacon dipinse molti autoritratti durante la sua carriera, e l’intensità di questa immagine finale riflette un’appassionata esistenza di creatività vitale: “Più invecchio, più sento la necessità di dipingere, mi sento più creativo” (Kaleidoscope 1991).

Dipinti

Seated Woman (Muriel Belcher) (Donna seduta – Muriel Belcher, 1961).

Verso la fine degli anni Cinquanta Bacon inizia a inserire immagini di nudo femminile nelle sue opere. Un esempio è Seated Woman (Muriel Belcher), ritratto di una sua amica di vecchia data. Muriel Belcher era la proprietaria di un famoso circolo di Soho, The Colony Room, che aprì nel 1948. Bacon fu uno dei primi soci. A quel tempo tutti i pub di Londra dovevano chiudere tra le 14.30 e le 17.00 ma, poiché questo era un club privato, la Belcher riuscì a ottenere una licenza per vendere alcolici dalle 15 alle 23, cosa che la rese molto popolare nell’ambiente bohémien di Londra. La Colony Room attirava un pubblico di tutti i tipi ed essendo Muriel omosessuale, l’omosessualità era apertamente esibita. Muriel chiamava Bacon “figlia” e quasi tutti gli altri “fica” come termine spregiativo o “fichetta” come vezzeggiativo (il termine inglese cunt indica, molto volgarmente, l’organo genitale femminile, ed è tutt’oggi usato come pesante insulto, NdT). Viveva a Shelton Street, Covent Garden, con la sua compagna giamaicana Carmel Stuart (conosciuta come “labbra di melone”), che spesso andava a giocare d’azzardo con Bacon alla sala da gioco di Charlie Chester4. La reputazione di Muriel Belcher era leggendaria5. In questo ritratto è collocata al centro della composizione, seduta su un divano, piegata in avanti. I tratti da civetta fanno riferimento ai suoi occhi socchiusi e al suo naso adunco. L’immagine fa anche riferimento alla sua sorveglianza notturna del Colony Room, con lei che, appollaiata su un alto sgabello, gridava in faccia ai suoi clienti. Bacon spesso per i suoi ritratti trasse ispirazione da immagini di uccelli o animali selvatici; libri, riviste e pagine strappate su cui comparivano uccelli erano sparsi nel suo studio. La fotografia di Deakin mostra le sue caratteristiche sopracciglia inarcate e la tipica scriminatura tra i suoi capelli radi. Le sbavature di colore sulla fotografia indicano che Bacon ne fece uso mentre dipingeva, ma non necessariamente mentre dipingeva quest’opera.

Turning Figure (Figura che si volta, 1962) è una delle numerose figure in torsione che popolano l’opera di Bacon durante gli anni Sessanta e Settanta. Privata di parti del corpo e astratta da ogni allusione figurativa, la figura, simile a un cavatappi, si torce nella sua pelle in uno stato contorto di mobilità. Bacon era affascinato dal movimento e aveva svariate copie della pubblicazione The Human Figure in Motion del pioniere della fotografia Edweard Muybridge. L’immagine di una figura femminile che scende le scale, ritagliata dal libro di Muybridge, rivela la prassi di Bacon di intervenire sull’immagine stampata come parte del processo. Dipingendo lo sfondo dietro la figura, aumenta la concentrazione del movimento. Anche se non numerose quanto le immagini maschili, erano parte dell’archivio di Bacon anche immagini di nudo femminile. Una pagina con la raffigurazione del dipinto di Henri Godet Modèle dans la pose du “Lierre” (Modella nella posa dell’edera) nella versione del 1898 presenta un nudo femminile che si volta. Il testo di accompagnamento discute le reazioni degli artisti alle caratteristiche delle loro modelle, inclusa la loro pelle, il che conferma il costante interesse di Bacon per questa zona erogena

Portrait of Henrietta Moraes (Ritratto di Henrietta Moraes, 1969).

Henrietta Moraes era uno dei soggetti femminili preferiti di Bacon. Nel suo studio sono state ritrovate diverse fotografie sgualcite e strappate di Henrietta, scattate da John Deakin negli anni Sessanta, che furono consultate da Bacon mentre dipingeva. In questo ritratto, la testa è spinta all’estrema sinistra del dipinto, elemento che lo rende una rarità tra le teste singole di Bacon. Potrebbe averlo considerato come un’alternativa per il pannello di sinistra di Three Studies of Henrietta Moraes (Tre studi di Henrietta Moraes, 1969).

Nel 1971 George Dyer, un tempo amante di Bacon, morì la sera prima della trionfale mostra di Bacon al Grand Palais di Parigi: nel corso degli anni Settanta assistiamo all’incremento nella sua opera di ritratti di uomini soli e trittici monumentali. Seated Figure (Figura seduta, 1974) mostra una figura ritorta, seduta con un animale alato librato in volo alla sua sinistra. Forse l’uomo raggiunge il massimo della sua umanità quando rivela il suo lato animalesco? Una delle influenze durature di Bacon è stata la trilogia dell’Orestea di Eschilo di cui riteneva le immagini “straordinariamente belle”. La terza tragedia della serie è intitolata Le Eumenidi. Le Eumenidi, o Furie, vendicano il matricidio cercando di uccidere Oreste che aveva assassinato la propria madre Clitennestra. Esse compaiono ciclicamente nell’opera di Bacon, introdotte per la prima volta nel 1944, quando Bacon sbalordì il mondo dell’arte londinese con il suo trittico Three Studies for Figures at the Base of a Crucifixion (Tre studi per figure alla base di una crocifissione, 1944), esposto alla Lefevre Gallery (Sylvester 1995). La reazione di Richard Hamilton fu emblematica. Sbigottito dall’opera, ricordava di aver chiesto: “Che cosa diavolo sono queste?” Continuò dicendo quanta straordinaria originalità e abilità di pittura mostrassero. Erano “così sbalorditive e spiazzanti… diversamente da quanto avessi mai visto fare a un artista inglese” (Cork 1985). La Furia in questo dipinto ricorda più da vicino un uccello, nel suo aleggiare alla sinistra della figura. Il repertorio di immagini aviarie di Bacon era esteso, e comprendeva una sezione specializzata sugli uccelli in volo e un’immagine di un avvoltoio reale che esibisce la sua tecnica di volo, presentando somiglianze con questa creatura sinistra.

Lungo tutta la sua carriera, Bacon si immerse nella violenza della vita mentre la osservava e la sperimentava. Nella sua arte, dichiarò guerra alla figura, mettendo in discussione per sempre la natura della condizione umana. Mediante questo incessante fermento, egli creò un linguaggio visivo complesso e rivoluzionario.

Ezra Pound avrebbe potuto riferirsi a Bacon quando osservò: “Yeats impara mediante l’emozione, ed è una delle poche persone che l’hanno mai provata, che sanno quanto è davvero violenta l’emozione; che vedono dal centro di essa invece di tentare di guardarvi dentro dal bordo” (citato in Forster 2003). Bacon, come Yeats, previde l’emergere di un nuovo ordine e, nel suo sforzo di comprensione dell’esistenza umana, ha creato un’arte che è stata centrale per una nuova identità radicale.

 

Barbara Dawson è una curatrice, critica e storica dell’arte, autrice di numerosi libri e articoli di arte moderna e contemporanea. Le sue pubblicazioni spaziano da importanti studi sugli acquarelli di William Turner a saggi su artisti contemporanei come Barry Flanagan, Brian Maguire o Willie Doherty. Dawson è l’attuale direttore della Dublin City Gallery The Hugh Lane, museo irlandese di grande importanza per la sua collezione di arte moderna e contemporanea la cui rilevanza è stata accentuata dall’acquisizione di tutti i contenuti dello studio di Francis Bacon di 7 Reece Mews a Londra, donato al museo da John Edwards, unico erede dell’artista. Come studiosa di Francis Bacon, è autrice di pubblicazioni come Francis Bacon in Dublin (con David Sylvester; Thames & Hudson, Londra 2002) e di saggi per cataloghi di mostre di centri internazionali come Palazzo Reale a Milano. Ha curato numerose mostre tra cui “Barry Flanagan on O’Connell Street” (2007), “Julian Opie Walking on O’Connell Street” (2008), “Hugh Lane 100 Years” (2008), “Francis Bacon. A Terrible Beauty” (2009), “Passion and Politics” (2010), “Civil Rights Etc Rita Donagh and Richard Hamilton” e “Willie Doherty: DISTURBANCE” (2011).



« torna alla mostra

Francis Bacon e la condizione esistenziale nell’arte contemporanea

 
CONTATTI
Informazioni: +39 055 26 45 155
Prenotazioni: +39 055 24 69 600
Email: info@palazzostrozzi.org
Cliccando sul bottone go si dichiara di aver letto ed accettatto le politiche sulla privacy

CALENDARIO EVENTI:  dicembre 2018
L M M G V S D
« giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

ARCHIVIO ARTISTI  clicca sulla lettera

A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Con la grande mostra dedicata ad Ai Weiwei (23 settembre 2016-22 gennaio 2017) per la prima volta Palazzo Strozzi diventa uno spazio espositivo unitario che comprende facciata, Cortile, Piano Nobile e Strozzina.

L’arte contemporanea esce dalla Strozzina e si espande sia a livello espositivo che di comunicazione, in uno scenario in cui Palazzo Strozzi partecipa attivamente all’avanguardia artistica del nostro tempo.

Per questo motivo le informazioni relative alla mostra Ai Weiwei. Libero e il programma di mostre e attività future dedicato all'arte contemporanea saranno consultabili direttamente al sito www.palazzostrozzi.org e sui canali social di Palazzo Strozzi.

chiudi