07/02/2008
08/02/2008
14/02/2008
15/02/2008
21/02/2008
22/02/2008
28/02/2008
29/02/2008
07/02/2008 versione lunga
08/02/2008 versione lunga
14/02/2008 versione lunga
15/02/2008 versione lunga
21/02/2008 versione lunga
22/02/2008 versione lunga
28/02/2008 versione lunga
29/02/2008 versione lunga
 
       
       
     
       
22/02/2008 17.45 - 20.00
   

AMBIENTE
Emergenza ambientale, sostenibilità

 
       
   

A Film Trilogy:
Forty Below (1999),
Too Dark for Night (2001),
Glass Hour (2002) di Clare Langan, Irlanda, 23’

Metamorphosis di Clare Langan, Irlanda, 2007, 16mm, 12’
Courtesy Galerie Anita Beckers, Francoforte

Visioni di paesaggi in cui le forze della natura sembrano aver sopraffatto la presenza dell’uomo sul pianeta: immagini poetiche e sublimi della fragilità dell’esistenza umana, messa a confronto con un ambiente naturale
trasformato da immaginarie rivoluzioni climatiche. Il ghiaccio e l’acqua, il deserto e il fuoco sono gli elementi che dominano questi paesaggi, filmati con una particolare tecnica di ripresa dall’artista irlandese, che filma in 16mm utilizzando lenti e filtri dipinti a mano per ottenere effetti cromatici di intensa e rara bellezza. Metamorphosis completa l’indagine iniziata nella trilogia, trasferendo questa silenziosa battaglia per la sopravvivenza in un mondo transitorio e ostile; una battaglia che in questo lavoro più recente rivela tutta la sua natura interiore e allucinata.

Clare Langan è nata a Dublino nel 1967. A Film Trilogy è stato presentato alla Biennale di Liverpool nel 2002. Nello stesso anno l’artista ha rappresentato l’Irlanda alla Biennale di San Paolo. Nel 2003 la trilogia è stata presentata al MOMA di New York. Metamorphosis ha vinto il primo premio allo Short Film Festival di Oberhausen nel 2007.



Exporting Harm di Jim Puckett , USA, 2002, 23’
Produzione e distribuzione: Basel Action Network

Il film investiga il tema scottante dell’e-waste, grande ombra della rivoluzione tecnologica. In Asia le sostanze tossiche rilasciate dall’enorme massa di rifiuti esportati dagli Stati Uniti hanno conseguenze mortali per gli abitanti. L’Europa è più attenta, mentre gli USA utilizzano strategicamente i vacuum legislativi dei paesi in via di sviluppo per non rispettarne i diritti. La non partecipazione alla convenzione di Basilea, che regolamenta i flussi di esportazione di materiale di scarto tra Paesi diversi, ha reso possibile una de-responsabilizzazione dichiarata.

Jim Puckett è un attivista che indaga sul problema dei rifiuti e del loro smaltimento da 17 anni. Ha lavorato con Greenpeace come coordinatore della Toxic Trade Campaign. Recentemente si è trasferito a Seattle per la Earth Economics e la Basel Action Network.



Dreamland di Laila Pakalnina, Lettonia, 2004, 36’
Produzione e distribuzione: Vides Filmu Studia

Esistono posti di cui non vogliamo sapere nulla, di cui preferiamo ignorare l’esistenza. Uno di questi è la discarica. Apparentemente, un deserto di spazzatura; in realtà, un deserto brulicante di vita, dove insetti, rettili, uccelli e mammiferi conducono un’esistenza in bilico tra la vita e la morte, in un’atmosfera onirica e alienante.

Nata in Lettonia nel 1962, Laila Pakalnina è regista, sceneggiatrice e produttrice, nonché giornalista di Diena, la più grande testata lettone. Dopo aver studiato regia e giornalismo televisivo, si dedica principalmente alla realizzazione di documentari.



Zone of Initial Dilution di Antoine Boutet, Francia, 2006, 30’
Produzione e distribuzione: Antoine Boutet

Zone of Initial Dilution è un’esplorazione sulle trasformazioni urbane della regione delle Three Gorges in Cina e sulle alterazioni causate dalla costruzione del più grande bacino idroelettrico del mondo. Questa ‘zona di iniziale diluizione’, un termine usato dagli ingegneri per definire il perimetro di un corso d’acqua inquinato che gradualmente si diluisce nella corrente, rappresenta la nuova realtà che è stata introdotta nella regione con la progressiva distruzione di un modo e delle attività locali. Il video si concentra sui piccoli villaggi del fiume Yangtze, che saranno sacrificati di fronte alla grande opera idraulica, quando, nel 2009, il lago verrà riempito d’acqua. Alcuni villaggi sono già stati abbandonati, altri ancora pieni di vita.

Antoine Boutet vive e lavora a Montreuil, in Francia. Artista e filmmaker, oltre alla realizzazione di documentari partecipa ad esposizioni e progetti di video installazione: Zone of Initial Dilution, Toulouse Contemporary Art Museum, Francia (2006); Lianzhou International Photography Festival, Cina (2006); Plus ou Moins, Chapelle des Beaux-Arts Cherbourg, Francia (2006); Les Nuisibles, Ateliers des Arques, Lot (2005); Idea 21, Festival Estudio Abierto, Buenos Aires (2004).

 
       
    inizio pagina