Artisti

Marina Abramovic
Victor Alimpiev
Laura Belem
Candice Breitz
Rä di Martino
Nathalie Djurberg
Kota Ezawa
Harun Farocki
Charlotte Ginsborg
Philippe Grammaticopoulos
Cao Guimaràes
Frank Hesse
Alfredo Jaar
Jesper Just
Clare Langan
Zhenchen Liu
Domenico Mangano
Jenny Marketou
Bjoern Melhus
Almagul Menlibayeva
Sarah Morris
Guy Ben Ner
Julia Oschatz
Isabel Rocamora
Marinella Senatore
Eve Sussman +
The Rufus Corporation

Kenneth Tin-Kin Hung
Gillian Wearing
Arnold von Wedemeyer
Clemens von Wedemeyer +
Maya Schweizer

Suara Welitoff
Sislej Xhafa
Zimmerfrei

 

 
 
worlds on video - international video art
mostra a cura di Anita Beckers
19 Settembre – 2 Novembre 2008
 
Home l Programma l Educazione l Informazioni l English
 
   
Nationality Brasile
Titolo dell'opera Naufrágio
Anno

2006

Durata 22’27’’
Dati tecnici Single Channel Video, Colore, senza sonoro
Courtesy Galleria Luisa Strina, Belo Horizonte
 
 

In Naufrágio vediamo il disegno a china blu di un antico veliero che si dissolve lentamente sotto uno stillicidio di gocce d'acqua. Il colore si confonde sempre di più, l'acqua bagna tutto il corpo della nave e ne dissolve l'immagine, lasciando soltanto una grossa macchia sulla carta bianca. Per quest'opera, l'artista brasiliana Laura Belém si è ispirata al suo primo viaggio in Portogallo alla ricerca delle proprie radici. La nave rappresenta la conquista portoghese del Brasile. L'immagine crea un legame con quel passato, ma al tempo stesso l'uso di due tecniche, disegno e video, esprime la sua estraneità. Si crea una distanza tra oggi e ieri: l'immagine si dissolve, il passato sbiadisce fino a scomparire del tutto. Il video rende nuovamente visibile il processo di ricerca dell'artista e ne trasporta il risultato - la sua vita nel presente - nel qui e ora.

Laura Belém, che realizza installazioni visive e sonore, interventi sullo spazio, sculture, fotografie e video, si accosta ai luoghi e al loro significato nelle maniere più varie, giocando con i diversi piani percettivi. Così, negli interventi sullo spazio come Conspiracy for Pleasure (2004) o Escultura (2001-05), colloca suoni e odori in luoghi inaspettati, guidando l'attenzione dell'osservatore sul loro significato per la percezione del nostro ambiente. Con interventi caratterizzati dalla stessa sensibilità, nelle sue installazioni tematizza e fa rivivere il passato del luogo. Anche Naufrágio è improntato a questo momento di recupero di legami perduti nel passato. Qui, però, la nave non regge il suo ruolo di rappresentazione figurata del passato: rimane mera immagine, effimera nella sua qualità di ausilio alla memoria.