Artisti

Marina Abramovic
Victor Alimpiev
Laura Belem
Candice Breitz
Rä di Martino
Nathalie Djurberg
Kota Ezawa
Harun Farocki
Charlotte Ginsborg
Philippe Grammaticopoulos
Cao Guimaràes
Frank Hesse
Alfredo Jaar
Jesper Just
Clare Langan
Zhenchen Liu
Domenico Mangano
Jenny Marketou
Bjoern Melhus
Almagul Menlibayeva
Sarah Morris
Guy Ben Ner
Julia Oschatz
Isabel Rocamora
Marinella Senatore
Eve Sussman +
The Rufus Corporation

Kenneth Tin-Kin Hung
Gillian Wearing
Arnold von Wedemeyer
Clemens von Wedemeyer +
Maya Schweizer

Suara Welitoff
Sislej Xhafa
Zimmerfrei

 

 
 
worlds on video - international video art
mostra a cura di Anita Beckers
19 Settembre – 2 Novembre 2008
 
Home l Programma l Educazione l Informazioni l English

La mostra propone una selezione di video d’artista che rispecchia la produzione internazionale più recente, con la presentazione, in anteprima per Firenze, di opere premiate ai festival di Locarno, Berlino, Amsterdam, Barcellona, Chicago e Tel Aviv. L’esposizione costituisce l’occasione per un avvicinamento ad un medium vicino alla sensibilità dei ragazzi, e per una discussione sul valore e sulla specificità della videoarte.


offerta didattica e laboratori

per la scuola primaria (II ciclo) e secondaria (I grado)
per la scuola secondaria (II grado)



Gillian Wearing. Ascoltare il corpo (19 settembre 2008 – 2 novembre 2009)

laboratorio per la scuola primaria (II ciclo) e la scuola secondaria (I primo grado)

1 incontro di un´ora e mezzo



Il laboratorio propone un’attività che coinvolga i ragazzi in un’esperienza di libertà espressiva attraverso il movimento corporeo e la musica.

Dancing in Peckam (1994) di Gillian Wearing, video presentato alla Strozzina in occasione della mostra Worlds on Video. Videoarte internazionale, fornisce lo spunto per ricreare con i ragazzi una situazione performativa in cui sperimentare insieme il potere espressivo del corpo come riflesso della propria interiorità.

L’utilizzo dello strumento del video nel corso del laboratorio, la possibilità che esso fornisce di potersi ri-guardare da angolature particolari (ad esempio togliendo il sonoro della musica) guida lo sguardo dei ragazzi nella lettura e nell’ascolto dell’immagine del corpo in movimento, e li conduce verso una presa di coscienza degli stati d’animo attraversati nel corso del lavoro: dall’imbarazzo al coinvolgimento della musica fino alle impressioni suscitate dal vedere un corpo muoversi nello spazio senza musica.

Esercitare lo sguardo a riconoscere in una situazione di apparente incongruenza e stranezza un elemento di significato qual’è la propria espressività corporea diventa un modo per educare all’esperienza dell’alterità, momento di ascolto di se stessi e degli altri.


Obiettivi

  • Riflettere sulle differenze tra i mezzi tecnologici che utilizzano l’immagine in movimento: televisione, cinema e videoarte, comprendendo la specificità artistica di quest’ultimo medium e le relazioni che si creano tra diversi fattori: il suono, il corpo, l’ambiente circostante.

  • Educare lo sguardo all’esperienza dell’alterità.

  • Comprendere, attraverso un coinvolgimento diretto, come l’opera d’arte possa avere anche una durata nel tempo.

 
vedi in alta risoluzione
 

Visite guidate sperimentali

per la scuola secondaria (I grado)

durata della visita: un’ora e mezzo

Per i ragazzi delle scuole medie vengono ideati appositi percorsi all’interno delle mostre in corso; si privilegia un approccio “orizzontale” alla visita guidata, cercando di rendere i ragazzi protagonisti nella scoperta delle opere, predisponendoli al dialogo attraverso la creazione di situazioni di interazione e confronto reciproco.

Le visite guidate possono essere associate ad un’attività laboratoriale.



Offerta formativa per gli insegnanti

Concepito come strumento di integrazione e approfondimento delle mostre attorno a cui ruotano i laboratori per i ragazzi, il corso di formazione è strutturato in tre incontri: una lezione propedeutica in cui verranno presentati modalità e sistemi di approccio alla ricerca artistica contemporanea e due visite guidate alle mostre in programma, durante le quali sarà possibile sviluppare con gli insegnanti la riflessione che si intende trattare con i ragazzi, nel corso dei relativi laboratori.

Calendario degli incontri:

Martedì 7 ottobre 2008, ore 17.00-18.30 Lezione propedeutica: Esperire e comunicare l’arte contemporanea. La videoarte

Martedì 18 novembre 2008, ore 17.00-18.30 (visita guidata alla mostra Arte, Prezzo e Valore. Arte contemporanea e Mercato)

Martedì 28 aprile 2009 ore 17.00-18.30 (visita guidata alla mostra Green Platform. Arte, Ecologia, Sostenibilità)



La partecipazione al corso è gratuita, gli insegnanti interessati sono pregati di prenotarsi inviando una mail a didattica o telefonando al numero 055 2776 461/06 (lun.- mer. - ven. ore: 10.00-13.00).



Informazioni e contatti:

Per le attività è richiesta la prenotazione tramite e-mail o telefono. Gli incontri hanno una durata di un’ora e mezzo, da svolgersi durante l’orario di apertura del Centro (10.00 - 20.00).

Il costo delle attività laboratoriali è di 4 euro ad alunno; il prezzo comprende anche il costo del biglietto di ingresso in mostra. L’ingresso per gli insegnanti è gratuito.

Le visite guidate sperimentali hanno un costo di 4 euro ad alunno, compreso il prezzo del biglietto di ingresso in mostra. La visita guidata associata ad un’attività laboratoriale (per un totale di circa tre ore di attività) ha un costo di 6 euro ad alunno, compreso il prezzo del biglietto di ingresso in mostra.



Per informazioni e prenotazioni:
Dipartimento Educazione e Mediazione CCCS
Centro di Cultura Contemporanea Strozzina -
Fondazione Palazzo Strozzi
Tel. 055 2776461/06 (lun-mer-ven ore 10.00-13.00)
Fax 055 2646560
Email: didattica

Referente: Alessandra Tempesti